CI LASCIA ALBERT MINOTT, AMBASCIATORE MENTO CON I JOLLY BOYS

Albert Minott, cantante dei Jolly Boys, gruppo mento del Portland , è scomparso senza soffrire sabato nella sua casa di Port Antonio.

Aveva 78 anni e da qualche tempo soffriva di problemi respiratori. Ambasciatore delle sonorità mento con i suoi compagni di viaggio, i Jolly Boys, era ritornato nel 2010 con la pubblicazione dell’album “Great Expectation” dopo il quale insieme alla band con oltre 60 anni di storia – seppure con diversi cambi di formazione – aveva girato il mondo suscitando interesse e ammirazione come la versione jamaicana dei Buena Vista Social Club.

Il mento è riconosciuto come la prima vera musica creata nell’isola, la storia racconta come l’attore Erroll Flynn nella sua casa sulla costa vicino Port Antonio, invitasse spesso a suonare giovanissimi musicisti, che poi sarebbero diventati sul finire degli anni ’50 i Jolly Boys.

Caduta purtroppo nel dimenticatoio sulla band si è riacceso l’interesse proprio nel 2010 quando il produttore inglese Becker ha deciso di registrare un nuovo album, “Great Expectation” appunto.

“E’ stato mio nonno a spiegarmi come il mento fosse la colonna sonora degli schiavi nelle piantagioni di canna da zucchero, senza esso non ci sarebbe stato lo ska, il rocksteady e il reggae. Purtroppo i giovani non sanno nulla di tutto ciò” – confessava non senza amarezza Albert Minott in un bellissimo articolo apparso sul quotidiano inglese The Guardian.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fa sempre bene un po di matematica !! * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.