DUCKIE SIMPSON DEI BLACK UHURU: “KING JAMMY E VP NON MI RISPETTANO”

Duckie Simpson, uno dei membri fondatori dei Black Uhuru, pensa che il produttore King Jammy e la VP Records gli abbiano mancato di rispetto.

Il motivo è da ricercare nell’uscita dell’album “New Sounds Of Freedom”, che riprende affidandole ad altri artisti le tracce che componevano l’album di debutto della band, “Love Crisis”.

A Duckie Simpson sono stati offerti per avere il lasciapassare per l’iniziativa, appena 500$ considerati un vero e proprio schiaffo in faccia. Diversi erano gli accordi, sempre per Simpson, secondo i quali nella copia del contratto inviatagli prevedeva la divisione a metà dei ricavi ottenuti dalla vendita del disco.

“Da allora non l’ho sentito più e non mi ha mai rimandato il contratto indietro. Al momento dalla vendita del disco non ho ricavato nemmeno i soldi per comprarmi una birra fredda” – racconta Duckie Simpson all’Observer.

Smentite al riguardo arrivano dalla VP Records, si dice che un accordo era stato raggiunto e che il contratto è stato regolarmente inviato al membro fondatore dei Black Uhuru, che “Love Crisis” lo incise insieme a Michael Rose e Erroll Nelson, con la produzione proprio di colui che all’epoca si chiamava ancora Prince Jammy.

Duckie Simpson non ci sta e rilancia raccontando come da quel disco il produttore abbia già rifatto diverse version dei brani che lo componevano, soprattutto “I Love King Selassie” senza mai riconoscergli in termini di royalties nemmeno un soldo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fa sempre bene un po di matematica !! * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.