KABAKA PYRAMID: “IL PRIMO SIZZLA, CRUCIALE PER LA MIA MUSICA”

C’è un filo nemmeno tanto sottile che lega “Well Done” a “Can’t Breath”, in entrambe le canzoni viene espressa la sofferenza di chi questo sistema non lo tollera più e chiede a gran voce un cambiamento.

E sempre in tema di percorsi comuni, i due brani preparano al meglio quello che rappresenta l’album di debutto di Kabaka Pyramid il cui titolo, come oramai i fans già sapranno, è “The Contraband”. Chi ha avuto la fortuna di ascoltare qualche altra anticipazione del disco durante il tout europeo che sta tenendo impegnato il leader della Bebble Rock, sa quanto questo album sa coniugare radici e modernità una maniera così armonica e naturale, una qualità che ha contribuito non poco a portare in alto il nome di Kabaka:

“Più che separarle a me piace metterle insieme” – ha detto l’artista in una recente intervista riferendosi al reggae, alla dancehall e al hip hop. In questi giorni i media tedeschi stanno sottolineando quanto sia stata esplosiva e coinvolgente la sua esibizione al Summerjam.

E’ Sizzla la principale fonte di ispirazione, lo ha confessato lui stesso raccontando come la sua musica di nei primi anni dello scorso decennio, abbia dato definitivamente inizio al suo viaggio musicale e spirituale:

“Mi sentivo pienamente rappresentato dalla canzoni di Sizzla uscite tra il 2001 e il 2002. Dentro mi porto la convinzione che il reggae deve saper coniugare spiritualità, consapevolezza e vibrazioni positive”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fa sempre bene un po di matematica !! * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.