PINCHERS E BOUNTY KILLER NEL NOME DELLA ORIGINAL DANCEHALL

Parallelamente a quanto sta accadendo al reggae, anche la dancehall sta vivendo il suo momento di revival.

Tra dichiarazioni dei protagonisti e recenti produzioni, si prova a riportare a galla il vecchio spirito della dancehall, quello che ha reso questo genere una tipica forma di espressione della musica jamaicana.

Senza condannare le moderne contaminazioni, alcuni protagonisti ritengono che quella appartenenza va nuovamente resa forte affinché anche i giovani possano essere consapevoli su come e quando la dancehall sia nata inizialmente come naturale prosecuzione delle sonorità roots reggae.

Kareem Burrell questa unione l’ha vissuta grazie al padre Philip, bravo ad essere protagonista tanto nel reggae che nella dancehall, in particolare negli anni ’90 quando molti successi portavano la firma della sua Xterminator.

Kareem riprende nel suo nuovo progetto una base nata a Studio One, il Death In The Arena riddim, per affidarla a due artefici delle prime produzioni di suo padre, ovvero Pinchers e Bounty Killer, non nuovi a comuni combination visto il naturale amalgamarsi dello stile più melodico del primo con quello più rude del Warlord.

La base creata negli studi di Coxsone Dodd, è stata ripresa in questi anni da diversi produttori compreso Philip “Fattis” Burrell, che proprio grazie a questo classico registrò due hit quali “Babyface” di Nadine Sutherland e “Show It Off” di Beres Hammond.

Ad aiutare il giovane Kareem nella rielaborazione del Death In The Arena riddim, intervengono anche Dean Freaser e Sly Dunbar. La tune di Pinchers e Bounty si chiama “Don’t Get A Weary” e esce per la XTM Nation, la label con la quale Kareem ha raccolto l’eredità musicale di suo padre.

“Per me si realizza un sogno, mettendo sulla stessa canzone Bandolero e Warlord” – confessa emozionato il giovane produttore.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fa sempre bene un po di matematica !! * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.