ROTOTOM SUNSPLASH 2016 DAY #6

di Francesco “Versoescondido” Iampieri

Good morning Rototom! Il grido si alza forte ogni giorno, da un’ignota tenda da un’ignoto temerario mattutino. I veri eroi del festival sono loro, guerrieri invincibili dell’immensa area campeggio,ulteriormente ampliata per l’edizione attuale. Il popolo del camping è esso stesso il Rototom Sunsplash,filosofia di vita,cultura e rispetto della natura al suo cospetto.

Soggiornare al campeggio vuol dire immergersi totalmente nello spirito di questa avventura di metà agosto,vivere l’esperienza a 360 gradi in una full immesion totale e coinvolgente. Vita attiva e sociale,condivisione di spazi ed aree comuni sono la forza del campeggiatore,bellissimo vedere questo popolo vivere,camminare con le loro buste della spesa,asciugamani sulle spalle di ritorno dalle docce,sbucciare patate e pulire verdure nella grande cucina attrezzata. C’è chi ancora dorme su un’amaca,chi beve il suo succo naturale e chi approfitta per gonfiare meglio il suo materassino e stendere il bucato su di un filo legato tra due rami.

DSC00010  DSC00037

Tarrus Riley, disponibile e sorridente come sempre,apre la sesta giornata del festival,dove si registra il Sold Out che conferma un’edizione straordinaria dal punto di vista artistico, e della validità di un progetto in continua evoluzione internazionale.

DSC00040 DSC00048

Il singer nato nel Bronx, delizia e seduce con la dolcezza della sua voce, Dean Freaser al sax accompagna con la sua band il suo pupillo,ormai diventato un’artista pienamente maturo e consapevole dei suoi mezzi.

DSC00051  DSC00058

Figlio del grande Jimmy Riley,ombra pesante sulle spalle da sempre,ha dimostrato di sapere andare avanti per la sua strada,una sua strada ben definita e bellissima come la sua discografia,presentata in piccola parte stasera in un concerto che è sempre troppo breve quando si tratta del Singy Singy.

DSC00020

Biga Ranx,al giovane artista francese l’arduo compito di preparare il terreno per l’arrivo del main artist della sera. Compito svolto ad alti livelli,talento ed energia nelle sue tune che passano dalla dancehall all’hip hop.

DSC00088  DSC00089

Manu Chao,con lui il festival raggiunge l’apice per questa edizione,decine di migliaia di spettatori sparsi in ogni angolo della location per godere del concerto,quasi riduttivo definirlo un’esibizione. Uno show del cantante originario di Parigi è una vera esperienza musicale che tocca tutti gli angoli del pianeta,con lui sul palco arriva la Patchanka la musica Gitana il Folk,Raì algerino,Reggae,Hip Hop,Folk il Rock.

DSC00090  DSC00097

Non c’è un genere che non riesca ad escludere dal suo live,come le tante lingue che può cambiare nel corso del set,due ore serrate senza sosta,con decine di bis e rimandi e canzoni prolungate fino a quasi quindici minuti. La batteria, incessante nei suoi quattro quarti interminabile dal principio alla fine,sezione fiati che suona la carica.

IMG_0040  IMG_0047

E lui,menestrello e cerimoniere suona la chitarra accompagnando la sua voce senza risparmiarsi. Un evento da ricordare negli anni a venire,chi è stato presente è andato a dormire felice e consapevole di aver vissuto qualcosa di incredibile,difficile da ripetere. Da narrare ai posteri.

IMG_0049  IMG_0060

A fine nottata, gli eroi del campeggio,erano davvero tanti a camminare nella radura per raggiungere ognuno la propria postazione,fosse una canadese per due persone o un camper con tutti gli accessori. Chi vive il festival in campeggio non ne conosce l’inizio e la fine,ne conosce solo l’arrivo e la partenza. Quello che c’è in mezzo è solo un’unica avventura totale scandita solo dal continuo alternarsi del giorno e della notte.

I veri eroi del Rototom sono loro. Good night Rototom!

DSC00098

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Fa sempre bene un po di matematica !! * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.