Intervista J. Written a nuova stella nascente dalla Giamaica by GegeVibes

0
80
J. Written Intervista con by GegeVibes

Oggi abbiamo intervistato una nuova stella nascente dalla Giamaica:
J. Written. Il giovane artista Jason Rasheed Wright, nome d’arte J Written, è nato nel 1994 e sin da tenerissima età ha compreso di avere una vera e propria vocazione musicale.

Cresciuto con sua madre, suo padre e due sorelle, la vita di J Written è stata tormentata dall’instabilità finanziaria e dai continui spostamenti in varie aree di Kingston.
“Non ero in grado di socializzare con i miei coetanei a causa della paura dei miei genitori di subire influenze negative”, ci racconta Written.

“Sono stato costretto a restare in casa con le mie sorelle per molto tempo. È così che ho scoperto che scrivere e leggere erano il modo più semplice per eludere e sfuggire la grigia realtà. Ho scritto diari giornalieri ed articoli quotidiani sul muro di casa mia per anni”, ricorda commosso l’artista riferendosi al suo complicato background.

Scrivere poesie, discorsi e saggi ha contribuito ad affinare gli strumenti che oggi J Written utilizza per comporre la sua stessa musica. Da teen ager ha scoperto un talento per la danza formando anche una crew all’età di 16 anni. La compagnia era nota come Acez Dancers. Nonostante i suoi risultati, J Written sentiva che c’era qualcosa che mancava nella sua esistenza. Ballare e scrivere non era abbastanza.

“Nello stesso periodo stavo anche studiando per la mia licenza di pilota di volo completando la prima parte della mia formazione ma non sono riuscito ad ultimare il corso a causa delle difficoltà economiche”, aggiunge il cantante.

Così, all’età di 18 anni ha iniziato a “giocherellare” con il suo vecchio computer a casa, imparando a costruire riddim. Poi ha iniziato a cantare per conto suo.
La sua passione per la musica continuava imperterrita: visitava spesso diversi importanti studi in Giamaica, tra cui JAMINS a Trench Town.

Il Brano è nella playlist Reggaeit di Spotify

Lo studio JAMINS Fifth Street Trench Town è diventato il il suo quartier generale e la sua carriera ha iniziato a prendere una forma vera e propria. Soprattutto Written ha sentito che avrebbe dovuto produrre musica con un messaggio socialmente consapevole. La sua prima uscita degna di nota è stata come cantante con la Right Band. La traccia si intitola “Remember December”, che tratta il tema dello stress economico del Natale per tutte le famiglie povere. Successivamente ha ottenuto una major release con la partecipazione dell’artista internazionale Alborosie dal titolo “Fear to Understand”. Questo feature ha segnato un punto culminante nel viaggio musicale di J Written.

Gege Vibes: What’s up J Written? Abbiamo parlato del tuo passato. A che stage, invece, ti trovi adesso nel tuo percorso artistico?
J Written: Per ora mi limito ad osservare quello che accade intorno a me per poi trasformarlo nei testi delle mie canzoni. Mi reputo fortunato perché in questo momento ho un management team che sta curando la mia evoluzione artistica. Per il resto sono di continuo in studio. Sto cercando di raggiungere i più alti standards in quello che faccio con dedizione e costante lavoro.

G.V. Riguardo agli standard più elevati che vuoi raggiungere nella tua carriera, cosa puoi condividere sulla tua esperienza con Bunny Wailers? Come è iniziata la tua connessione con questo gigante del Reggae?
J.W. Siamo entrati in contatto tramite King Calie e Dre Tosh quando hanno portato i “bredrens” con cui ero in quel momento al suo museo per provare per un paio di spettacoli. Con il tempo io e suo figlio ci siamo avvicinati, ma la famiglia non mi conosceva come cantante, ero solo il “bredda” intorno ai musicisti. Adesso apprezzano anche le mie capacità artistiche e ci sono dei progetti per il futuro.

G.V. : Quale pensi sia stato il più bel momento vissuto fino ad ora nella tua carriera?
J.W. Ad essere onesto ce ne sono stati tanti nella mia carriera, ma il vero momento clou è stato quando qualcuno mi ha contattato su uno dei miei social networks dicendo che in qualche modo avevo contribuito ad alleggerire il suo fardello attraverso le mie canzoni. Ne aveva appena ascoltato una. Penso che questo sia ciò a cui tutti gli artisti dovrebbero seriamente mirare: avere un impatto positivo sulla vita di qualcuno.

G.V. Hai appena menzionato la positività. Secondo te perché è importante per le nuove generazioni continuare a creare musica reggae positiva e conscia?
J.W. Credo in tutta la musica positiva, non importa quale sia il genere. Nel tempo ho scoperto di esprimermi meglio usando il reggae, ma qualunque stile venga usato per trasmettere il giusto messaggio è apprezzabile per me.G.V. Raccontaci del tuo brano “Fear to understand” feat. Alborosie. La canzone “Fear to Understand” mostra alle persone che credono di essere un fallimento di avere ogni giorno il potere nelle proprie mani di cambiare il modo in cui guardano se stesse. E’ stato un onore per me lavorare con un grande artista internazionale del calibro di Albo.

G.V. Hai intenzione di pubblicare un album ufficiale?
J.W. Pubblicare un album ed altri svariati progetti musicali sono sempre in prima linea nella mia mente, se anche solo provassi a rallentare o a fermarmi sarebbe come cercare di imbottigliare il mare. Ci sono molte sorprese in arrivo. Al momento sono in studio a lavorare al mio EP che dovrebbe uscire nei prossimi mesi del 2021. Continuo a seguire prevalentemente quello che mi suggerisce la mia energia.

Eugenia Conti

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

+ 70 = 77