ASHRAFF30 + PIERO DREAD w/ Groove Yard Sound a Genova

0
88

QUANDO
11/11/2023

COME ARRIVARE DOVE
csoa pinelli - via Fossato Cicala Genova (GE)
APRI IN GOOGLE MAP

MUSICA


SABATO 11 NOVEMBRE
GROOVE YARD SOUND presenta:
#genovamaicastillburning #8
MIX UP MOOD REGGAE NIGHT
Senegal meets Italia
ASHRAFF30 + PIERO DREAD
w/ Groove Yard Sound
Dalle 22:30 warm up
Main event 00:30
INGRESSO: 10eu
BIOGRAFIA ASHRAFF 30
Ashraff 30 ha iniziato nel suo paese di origine, il Senegal, ad esplorare il mondo del Reggae
sotto la guida del padre, grande appassionato di musica e intenditore del genere. Sviluppa il
suo gusto e la sua cultura musicali attraverso l’ascolto dei vinili della collezione di famiglia e si
misura durante l’adolescenza anche con l’Hip Hop, in un momento storico in cui il genere,
soprattutto a Dakar, dominava il mainstream. Nell’Hip Hop, Ashraff 30 ha infatti affinato la
sua capacità di scrittura, ma è nel Reggae che ha trovato il canale preferenziale attraverso cui
esprimersi:
«Il Reggae è sempre stato con me. Quando avevo 4 anni ho iniziato ad ascoltare Bob
Marley, Peter Tosh. Poi crescendo ho mosso i miei primi passi nell’Hip Hop, in un momento
in cui il genere aveva ricevuto un boom di consensi. Con i miei amici, ai tempi, abbiamo
iniziato a fare hip hop e io ho sempre avuto la vena di scrivere. Mi è sempre piaciuta la
parte melodica, il fatto di lanciare un messaggio cantando e non parlando. Ad un certo
punto però ho capito, soprattutto quando sono arrivato in Italia nel 2005, che la mia strada
era il Reggae. Nel 2007 ho iniziato il progetto con i Kayamama, con cui ho fatto un
bellissimo percorso. Nel 2011 abbiamo lanciato il nostro primo EP, nel 2013 abbiamo
prodotto il disco “On the way”, da cui un tour e la partecipazione alle finali del Rototom
Sunsplash. In seguito, ho sentito la necessità di staccarmi e di andare avanti per conto
mio…»
E in questa strada da solista, Ashraff 30 ha prodotto due dischi e, con i Ganjamama, si è
esibito su svariati palchi, dall’Europa all’Africa.
Il suo primo album da solista, “Colours and Cultures”, esce nel 2016: 11 tracce che parlano di
amore, integrazione, cultura africana e di esperienze di vita vissute in prima persona da
Ashraff fino alla ricerca introspettiva di se stessi, con uno sguardo volto a un futuro non
troppo lontano dove persone di differenti culture, religioni, lingue e colori della pelle possano
convivere in armonia e serenità.
È anche l’anno delle featuring con Steve nel brano Loser’s Ring e Piero Dread in Not so Easy.
A dicembre 2018 esce “Nostalgy”, 13 tracce che aprono una finestra sui tanti e differenti modi
in cui la nostalgia può manifestarsi in ognuno di noi, ma è anche un disco molto personale in
cui Ashraff 30 canta il suo proprio e intimo sentimento di nostalgia che prova, soprattutto,
per la Madre Terra, per l’Africa. Non è un caso che il primo singolo del disco sia proprio il
brano Mankind’s Cradle, la culla dell’umanità.
Spazio anche alle featuring con le tracce Jambaar Door Waar in collaborazione con Ombre
Zion e Sangue Bi, e Remember That con Sista Awa.
Nel 2019 parte con un tour in Italia in Inghilterra per poi per chiudere in bellezza in Sud Africa
, nello stesso anno festeggia al C.I.Q ( centro internazionale di quartiere) 25 anni di musica
Quest’anno 2023 esce con un disco in acustico battezzato ASH26. L’album, “ASH26”, è il
quarto del lungo percorso musicale dell’artista di origini senegalesi. Perchè questo titolo?
«”ASH” è il diminutivo del nome d’arte Ashraff che significa (nobile di cuore nella lingua
araba), 26 per tutto quello che rappresenta il numero. “Sono arrivato in Italia a 26 anni,
momento cruciale nell’evoluzione della mia musica: cominciai a comporre questo disco
dopo 26 anni di carriera nel 2019. Come se non bastasse proprio nel 1993, l’anno de mio
debutto come cantante, fu progettato un aereo che ebbe proprio quel nome ASH26. Tanti
fattori e coincidenze intorno al numero 26 che hanno influenzato fortemente la scelta del
nome dell’album».
Invita alcuni artisti senegalesi ad accompagnarlo in questo disco : LEK SEN – LIDIOP – IBSON – AWA FALL
Per l’anno venturo uscirà con un nuovo album reggae che è già stato anticipato da due
singolo: I KNOW e HAND ON BACK

PIERO DREAD
Pietro Comite alias PieroDread è un cantante e musicista fra i più talentuosi del panorama reggae italiano ed
europeo. Ha collaborato con grandi artisti della scena italiana ed internazionale come Laurel Aitken, Freddie Mc
Gregor, Africa Unite, Roy Paci, Nina Zilli, Eugenio Finardi, Luciano, Morgan Heritage Turbulence, Lion D,
Raphael ed Anthony B, con cui quest’ultimo ha pubblicato nel 2011 “So Precious”, singolo sulla la rivoluzione
nord africana, un vero e proprio tributo ai martiridella cosiddetta “Primavera araba”
Dopo qualche singolo, nel 2013 pubblica “Real Vibes” primo album solista Il disco, best seller su Amazon
nella sezione reggae,. Tre sono i singoli (più video) estratti: “Leave You No More”, “Inna Me Yard” feat.
Askala Selassie, la celebre cantante inglese-giamaicana, e “Forever”, video pubblicato in esclusiva da
Reggaeville.
Il 2014 è un anno importante. La vittoria per la seconda volta del Rototom sunsplash contest e la
partecipazione allo show televisivo “The Voice of Italy” su Rai 2, (team J-AX) incrementano
notevolmente visibilità e curiosità da parte del grande pubblico, e contribuisce ad avvicinare nuovi fan a
questo genere musicale, cosi come si dimostrerà durante il lungo “Real Vibes “ Tour.
Nel 2017 pubblica il secondo album come autore e cantante solista dal titolo #interplay, ispirato
all’interazione musicale tra gli strumenti che crea quella “magia unica e irripetibile” tipica di ogni “session”.
Nel 2022 pubblica tre singoli di successo scritti in collaborazione con il songwrighter giamaicano Patrick
Reid, The time has come” , “Buff and Shine”, e “Treat for the day”, quest’ultimo corredato da un
videoclip dal forte impatto emotivo che riassume i cambiamenti che hanno stravolto le abitudini di tutto il
mondo, girato in parte nel nuovo teatro Roberto De Silva di Rho (MI).
Nato a Torino nel febbraio del 1980 si è trasferito a Milano in giovane età, dov’è cresciuto artisticamente
iniziando a suonare nei più prestigiosi live club della città proponendo un tributo con le più significative
songs di Bob Marley e ben presto inizia a condividere palchi di livello internazionale, suonando prima da
solo e poi con i Franziska, band che lo ha portato pubblicare 3 album tra il 2003 e il 2008 e a salire sui
palchi dei principali reggae festival di tutta Europa grazie alla vittoria nel 2007 del Rototom Sunsplash
Contest.
Nelle molteplici vesti di cantante/musicista/produttore ha affiancato le proprie produzione ad etichette
discografiche come la Warner –Universal-V2 Sony- ed è compositore di sigle televisive.
Inoltre porta avanti dal 1998 percorsi didattici nell’insegnamento di chitarra, armonia
e musica d’insieme è diplomato al CPM (centro professione musica)ed attualmente è insegnante della
Ricordi Music School di Milano.
“Amo la musica di matrice Black in tutte le sue forme, dal soul al blues alla R&B e naturalmente il reggae in particolare,
mi hanno insegnato ad unire e rispettare le altre culture, perché hanno storie vere da raccontare e che tutti dovrebbero
conoscere”, ha dichiarato in una recente intervista


EVENTO FB: https://www.facebook.com/events/3070605836410983/?acontext=%7B%22event_action_history%22%3A[]%7D

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui