Intervista a Chinese Man

0
19

Collettivo proveniente dal sud della Francia, il trio Chinese Man, composto da High Ku, Matteo & Sly, si esibisce in modo indipendente fin dal suo debutto con l’etichetta Chinese Man. Sly, si esibisce in modo indipendente sin dal debutto con la loro etichetta Chinese Man Records. Formatisi nel 2004, traggono le loro influenze principalmente dall’hip-hop, dal trip-hop, ma anche dal dub, dall’electro e dal reggae. Con solo 2 album all’attivo (Racing with the Sun, del 2011 e Shikantaza, del 2017) ma numerosi altri progetti collettivi (EP, Remix, Live, The Groove Sessions…) o solisti (BOLD, Matteo, Rumble). Vedere Chinese Man dal vivo è sempre un’esperienza unica e accattivante, che invita gli spettatori a spettatori a lasciarsi andare. Con più di 600 spettacoli in tutto il mondo, la band torna nel 2024 per il loro 3° album in un contesto live ancora più coinvolgente ed esplosivo!

D. Come si è formato il vostro collettivo?

R. Ci siamo incontrati al liceo con SLY, e più o meno nello stesso periodo con High Ku. All’inizio, noi tre lavoravamo ai nostri rispettivi progetti e siamo diventati amici. Poi, verso i vent’anni, abbiamo iniziato a progetti insieme, tra cui uno che non riguardava la musica, ma più che altro la diffusione dei nostri progetti. Poco dopo abbiamo iniziato a produrre musica insieme. Nella regione dell’Ardèche, in Francia, in una casa di famiglia, abbiamo portato con noi un po’ di attrezzatura e ci siamo detti: perché non provare a fare musica insieme? Il nostro sogno era quello di avere dei dischi in vinile da poter suonare come DJ. È così che così è iniziato.

D. Quale era il vostro background musicale?

R. High Ku viene dal rap, io (Matteo) dal mix, SLY dalla musica assistita dal computer. Quindi tutti e tre eravamo molto legati all’hip-hop, ognuno con una specialità o una sensibilità diversa: Io (Matteo) suonavo nei club, quindi avevo un’affinità con l’house, l’r&b, la dance e l’hip-hop. E SLY e High Ku avevano una più hip-hop e fusion.

D. Avete fondato anche un’etichetta musicale?

R. Sì, abbiamo creato anche questa etichetta (Chinese Man Records). Inizialmente, abbiamo cominciato con il desiderio di stampare un disco, senza necessariamente avere in mente di formare un gruppo musicale. E per farlo in modo ufficiale, formale e autonomo, abbiamo trovato che la soluzione fosse quella di creare una nostra struttura, e da lì è nata l’etichetta.

D. Come descrivereste la vostra musica?

R. Potremmo definire la nostra musica come un mix di hip-hop, trip-hop, bass music, dub ed electro… È piuttosto difficile definire un genere preciso. Diciamo solo che ci ispiriamo alla musica strumentale e ai generi sopra citati.

D. Parlatemi del vostro nuovo album We’ve Been Here Before…

R. Questo progetto arriva 7 anni dopo l’ultimo album che abbiamo pubblicato (“Shikantaza”). Ci è voluto un po’ di tempo perché avevamo bisogno di riconnetterci con i nostri desideri, di evolverci e di sperimentare un po’ di cose personali e artistiche, senza essere legati a Chinese Man. Poi, quando ci siamo trovati a lavorare insieme a questo nuovo progetto, ci siamo subito resi conto che ci siamo già passati. Cosa possiamo fare per migliorare la nostra musica? Cosa possiamo fare per renderla più giusta? Per renderla più significativa? Ci siamo rivolti a questo tema del “déjà vu” e, per evitarlo e aggiungere un tocco di freschezza, ci siamo rivolti a musicisti con i quali desideravamo lavorare: Gilles Alonzo per la scrittura/composizione, General Elektriks per le tastiere/arrangiamenti e una sezione di fiati.

D. Potete parlarmi dei nomi coinvolti?

R. Per quanto riguarda gli artisti ospiti del progetto, abbiamo scelto di invitare gli artisti con i quali collaborano abitualmente: ASM, Youthstar, Tumi (aka Stogie T), Miscellaneous… Volevamo davvero invitarli di nuovo. Oltre a loro, abbiamo invitato Stylo G per una traccia dancehall; KT Gorique, l’artista che ha registrato la prima strofa in francese nella storia di Chinese Man; e tutti i musicisti con cui abbiamo lavorato: Gilles Alonzo, Ferdi, Béesau, Nathan, General Elektriks, Karim Addadi, Christophe Lincontang… È un progetto molto collettivo. Dal momento in cui lavoriamo sulle evoluzioni degli arrangiamenti, ci piace circondarci bene.

D. Questo è il vostro terzo album dal 2004. Perché questa scelta?

R. In effetti, questo è il nostro terzo album dal 2004, perché produrre un album richiede molto tempo. Facciamo un passo alla volta. Per prima cosa, ci prendiamo il tempo per stare in studio per ascoltare i suoni da campionare, poi creiamo dei layer, che ci danno dei demo. Poi lasciamo riposare questi demo per un po’. Poi chiamiamo gli artisti a lavorare con noi per riorganizzare le sessioni e registrare con loro in studio. Il processo di creazione di un album richiede tempo. Non ci piace necessariamente l’idea di una produzione intensiva di un album, soprattutto perché veniamo dal mondo dei DJ, dove possiamo fare singoli, EP… Ogni volta che abbiamo pubblicato un progetto, lo abbiamo suonato in tour per molto tempo dopo. Per l’album “Shikantaza” siamo stati in tour per 3 anni e abbiamo impiegato 2/3 di quel tempo per realizzarlo. Sono 6 anni della nostra vita!

D. Mi parli del vostro prossimo tour…

R. Inizieremo con un tour incentrato sulla Francia con ben cinquanta/sessanta date nel 2024, poi andremo a livello internazionale nel 2025, con festival in entrambe le estati del 2024 e del 2025. Questo nuovo spettacolo dal vivo è abbastanza completo, con un ampio lavoro di video e scenografia, artisti ospiti, una sezione di ottoni… Stiamo cercando di creare un progetto abbastanza immersivo, che possa essere visto senza necessariamente entrare nei dettagli della performance, ma piuttosto come qualcosa di globale.

D. Nuovi progetti a cui state lavorando?

R. Non c’è un vero e proprio progetto nuovo per i Chinese Man, a parte “We’ve Been Here Before”, perché siamo molto concentrati sull’album. Il grande progetto in questo momento è quello di difendere questo progetto in modo adeguato sul palco. Poi ci sono i nostri progetti collaterali, High Ku con BOLD, SLY con Rumble, io stesso con Matteo con le mie collaborazioni, che continueremo a sviluppare. Il 2024 segna anche il 20° anniversario dell’etichetta e il 20° anniversario della band, che inizieremo a festeggiare alla fine di quest’anno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui