Intervista a Soom T

0
72

Soom T pubblica il suo sesto album in studio, The Louder The Better, una combinazione di registrazioni dal vivo con la sua band e produzioni digitali. Un album completamente autoprodotto con la sua etichetta discografica Renegade Masters e con Kunta come produttore esecutivo, la cui realizzazione è durata tre anni da quando sono iniziate le prime registrazioni in Brasile durante la pandemia. Noi la abbiamo intervistata.

D. Parlami del tuo sesto album The Louder The Better. Puoi dirmi quali sono i nomi coinvolti e perché hai scelto questi professionisti per lavorare al tuo album?

R. Christian Cowlin, inglese, che è anche ingegnere del suono dei leggendari Wailers, ha composto 5 delle 16 canzoni dell’album. Si tratta di There is love, Prophets, Free the man, No worries e Don’t make me. Questo produttore dinamico mi ha permesso di esplorare la profondità del mio carattere di autore di ballate e di forzare il braccio classico del songwriting di un tempo. Questo particolare lavoro è una progressione naturale dopo canzoni come I wanna live dell’album precedente. Cantare di più, indulgere nel songwriting classico ed esplorare le sottigliezze del jazz e del soul ispirati alle canzoni reggae è stata una direzione incoraggiata dalle composizioni uniche di Christian.
Dr Bud, francese, i cui beat hanno dato vita a Bad Road, Emergency e Normal People, è stata una scelta ovvia, basata sul mio amore di lunga data per il toast digitale, per il quale io e molti altri concordiamo che il mio stile è stato costruito. Questi suoni digitali a 8 bit consentono anche un elemento più comico alle canzoni, ispirando un testo e un’interpretazione meno seri e umoristici.
Teddy Green e Kunta, con sede a Lione, hanno composto la strumentazione per il preesistente accapella di Hail to the watchman e con i quali ho già pubblicato un album completo intitolato The Arch.
IRIE ITES mi ha fornito gli sfondi per Walk the earth, co-prodotta con Mafia e Fluxy, e per la bellezza digitale Like a dog. Si è trattato di una collaborazione naturale con un’etichetta che stimo molto per la sua produzione di qualità costante nelle piattaforme Reggae e Soundsystem e i cui dubplates sono materia di leggenda. Ho un buon rapporto di lunga data con IRIE ITES e non vedo l’ora di lavorare a una solida release in futuro.
Mauro Rabello dei Pangea Studios di San Paolo è stato il compositore la cui discussione e composizione ha dato il via a questo album. Abbiamo suonato molte volte nel corso degli anni e abbiamo un solido legame di lavoro. Inizialmente abbiamo costruito un album completamente dal vivo con circa 12 musicisti di studio che hanno registrato canzoni originali nello studio in Brasile durante le serrate del 2020. Molte di queste canzoni devono ancora essere completate e saranno disponibili per l’album successivo. Per ora, siamo felici di poter includere nella tracklist due composizioni di Mauro, Michael e Ezekiel’s vision.
Terry Vibes, dagli Stati Uniti, ha composto le canzoni Fly my bird e Good will come, scelte per il suo chiaro talento nel creare strumentali reggae solari, semplici e tuttavia chiaramente efficaci di ispirazione pop. Mi ha lasciato spazio per creare una deviazione dagli stili reggae classici di digital, roots, steppa e dub per portare un elemento pop estivo alla processione.
Ultimo ma non meno importante è il virtuoso Tom Fire, la cui composizione Path of the wanderer fornisce una creazione ambient, malinconica e allo stesso tempo pesante per sostenere la profondità della canzone memorabile dal punto di vista lirico trasportata da questo veicolo di basso. Tom Fire non delude mai ed è un punto di riferimento per una produzione drammatica, toccante e moderna.

D. Hai iniziato a lavorarci 3 anni fa. Cosa ha preso più tempo nel processo creativo?

R. La scrittura dei testi richiede molto tempo. Scrivo molto più di quanto riesca a registrare. Durante la scrittura, di solito un testo su 20 scava abbastanza in profondità nella psiche dell’anima da permettere a qualcosa che ritengo degno di essere sviluppato in una canzone completa. La parte successiva è il processo di registrazione e il tempo che i compositori e i beat maker dedicano ai loro sforzi di registrazione, scrittura e composizione, che si aggiungono al numero di ore, giorni o addirittura settimane necessarie per completare una canzone. Se a questo si aggiungono le fasi di missaggio e masterizzazione e le modifiche, si può concludere che tutti gli elementi richiedono una buona parte del tempo totale impiegato per creare un’opera finale.

D. Perché la scelta di autoprodurlo?

R. Nel corso degli anni ho lavorato alla produzione di album con molte etichette, produttori e case di produzione diverse e ho acquisito molta esperienza e conoscenza in questo campo. Credo che, avendo prodotto Bullets over Babylon con Monkey Marc nel 2010 e l’LP Good in modo indipendente nel 2022, avessi abbastanza fiducia in me stesso, oltre che in un team di professionisti, dai compositori agli artisti, agli ingegneri e ai tecnici, per intraprendere questa missione. È un compito impegnativo ma entusiasmante e richiede un’etica del lavoro diligente, ma la gratificazione al termine ne vale la pena e mi spinge a continuare a gestire, produrre, commissionare e sviluppare i miei progetti futuri e la cosa migliore è che ho il completo controllo creativo e posso fare ciò che desidero personalmente. Questa è la parte più importante. Scelgo con chi lavorare, scelgo il mio suono, la mia direzione e la mia espressione, permettendo alle mie canzoni di mantenere la loro integrità.

D. Mi parli di Renegade Masters…

R. Era una società che ho creato per pubblicare e gestire i miei progetti. Sebbene abbia pubblicato anche altri artisti, alla fine ha mantenuto la sua posizione di etichetta per le mie produzioni e i miei lavori. Inoltre, consolida il mio lavoro di tournée dal vivo, di pubblicazione e di altri lavori legati alla musica e mi dà l’indipendenza di costruire i miei progetti in modo indipendente, se lo desidero. Sono nota per lavorare con altre etichette, ma Renegade Masters mi permette di avere la mia struttura interna per poter creare musica e condividere i miei messaggi personali con il mondo.

D. Come hai iniziato a cantare?

R. Da bambini siamo stati incoraggiati a cantare a casa. Tutti i miei fratelli e le mie sorelle sono grandi artiste. La mia sorella più giovane, Anjali, è una pianista molto brava e ha una voce straordinaria. Mio fratello maggiore Deerj era il cantante di un gruppo punk death metal chiamato Question Authority quando avevo 10 anni, quindi il canto e la musica erano molto apprezzati in famiglia. Quando da adolescente sono diventata un MC nel circuito dei club di Glasgow, sono stati i miei amici Gourley, Paula Geddes e Scott McMahon a incoraggiarmi a cantare di più e a dedicarmi alla musica. Mi facevano sentire sicura quando li intrattenevo con i rap e fu Chris a procurarmi il mio primo concerto, costringendo il promotore di una serata chiamata Let’s go back, way back a sentirmi rappare, a mettermi in lista sul manifesto e a prenotarmi per un concerto. Dopo di che sono diventata una resident e il resto è storia.

D. La Scozia è un buon posto per fare reggae? Com’è la scena lì?

R. Nel 2007, quando ho incontrato per la prima volta i Mungos, la scena dei soundsystem a Glasgow era composta solo da loro e da un piccolo soundsystem chiamato Roots reggae gestito da un ragazzo di nome Karim. È cresciuta, è cresciuta e ha avuto un picco, ma poi, quando i locali hanno cominciato a chiudere o addirittura a bruciare (cosa che ancora oggi considero una cospirazione), la scena si è un po’ calmata. Ora, a Glasgow ci sono solidi protagonisti della scena musicale, tra cui Hometown, che organizza ancora serate reggae, e alcuni altri, quindi il lavoro di fondazione svolto da Mungos Hifi, che ha continuato a diventare un attore serio nel circuito globale dei soundsystem, ha stabilito buone radici per gli amanti del reggae in Scozia in generale.

D. Hai mai sperimentato il razzismo che ti ha spinto a fare musica, come è successo a band iconiche del reggae britannico come gli Steel Pulse o gli Aswad?

R. Il fatto è che quando si è una minoranza in un Paese esposto alla propaganda razzista si viene guardati dall’alto in basso, non rispettati e fatti sentire inferiori per il proprio colore. Ho accettato per la maggior parte che forse sono inferiore, perché mi mantiene umile credere a queste cose, ma grazie ad amici brillanti che ho incontrato da adolescente e con cui sono ancora amica oggi, a 40 anni, sono stata fatta sentire accettata e amata. Amo i miei amici di Glasgow. Non c’è nessuno come loro. Sanno chi sono. È proprio in età avanzata che apprezzo la loro amicizia e il loro sostegno quando ero più giovane, perché mi hanno dato la fiducia necessaria per realizzare i miei sogni. Sono stati quegli amici a proteggermi dal razzismo e a farmi sentire come se non esistesse, certamente in Scozia. Mi dispiace che Steel Pulse e Aswad abbiano subito il razzismo. Credo che il vero razzismo sia radicato nel fatto che la persona razzista si sente inferiore a se stessa e ha bisogno di mettere gli altri in secondo piano per sentirsi meglio. Tutte le persone meritano amore e accettazione.

D. Come possiamo vedere dai tuoi social, tu viaggi molto. Recentemente sei stata in Australia. Durante i tuoi viaggi hai trovato qualche buona connessione musicale che è sfociata in una collaborazione?

R. Assolutamente sì. Ho incontrato la mia famiglia spirituale di band dal vivo nei The Belly laughs, una band enorme composta da un massimo di 10 musicisti che hanno provato un intero set alla perfezione. Con Rosie che cantava per me mentre suonava abilmente il suo banjo e un batterista che cantava anche assoli insieme a un percussionista, tastiere, ottoni e chitarra solista, sono stato davvero viziato a morte. Tornerò a fare uno spettacolo con questa band a Nimbin il 15 dicembre e non vedo l’ora. Vorrei poterli mettere in una valigia e portarli in Europa. È stata una gioia esibirsi con loro. Naturalmente ho stretti legami musicali con i molti compositori con cui lavoro in tutto il mondo, come Mauro in Brasile e Monkey Marc in Australia e un ampio gruppo in Francia, ma mantengo un legame musicale altrettanto eccellente con tutti loro. Mi sento benedetta dai legami che ho stabilito con i musicisti e gli artisti australiani e mi auguro di ristabilirli presto e sicuramente di collaborare con alcuni di loro. Grazie a Whatsapp mantenere i contatti è facile, così come discutere e far nascere collaborazioni.

D. Stai già lavorando a qualcosa di nuovo?

R. Sempre. Sto ultimando il mio prossimo album, che è una collaborazione con Fatbabs e la sua etichetta Big Scoop, che è anche la casa discografica del dinamico artista Naaman. Si tratta di un album soul-gospel composto interamente nello studio di Fatbabs con musicisti dal vivo e nel Renegade HQ Studio in Scozia. Verrà pubblicato sotto la Big Scoop Records nel 2024, consentendomi di mantenere il mio obiettivo di pubblicare un album all’anno fino al 2030.

Grazie per avermi permesso di condividere il mio viaggio e che Dio benedica te e tutti i vostri lettori.

ENGLISH VERSION

Q. Tell me about your sixth album The Louder The Better. Can you tell me what names are involved and why you choose these pros to work on your album?

A. Christian Cowlin from the UK who is also sound engineer for the legendary Wailers composed 5 of the 16 songs on the album. They are There is love, Prophets, Free the man, No worries, and Don’t make me. This dynamic producer allowed me to explore the depth of my ballad writing character and coerce with the classic songwriting arm of days gone by. This particular work is a natural progression after songs such as ‘I wanna live’ on the previous album. To sing more, indulge in classic songwriting and explore the subtlties of Jazz and soul inspired deliveries over Reggae songs was a direction encouraged by Christian’s unique compostions.
Dr Bud from France whose beats that resulted in Bad Road, Emergency, and Normal People, was an abvious choice based on my long held love of toasting on digital which I and many others would agree my style was built for. Such digital 8 bit sounds allow for a more comedic element to songs too, inspiring a less serious, humourous lyric and delivery.
Teddy Green and Kunta based in Lyon composed the instrumental for the pre-exisitng accapella of ‘Hail to the watchman’ and with whom I have previously released a full album called The Arch.
IRIE ITES provided me with the backdrops for Walk the earth co-produced with Mafia and Fluxy and the digi beauty Like a dog. This was a natural collaboration with a label I highly respect for their consistent quality output in the Reggae and Soundsystem platforms and whose dubplates are the stuff of legend. I have a good long established connection with IRIE ITES and look forward to working on a solid release in the future.
Mauro Rabello of Pangea Studios in Sao Paolo was the composer whose discussion and compostion seeded the beginning of this album. We have jammed many times over the years and have a solid working bond. Initially we built a fully live album with around 12 studio musicians recording original songs at the studio in Brasil during the 2020 lockdowns. Many of those songs are still to be fully concluded and will be available for the follow up album. For now, we were happy to be able to include 2 of Mauro’s compostions Michael and Ezekiel’s vision to the tracklist.
Terry Vibes from the USA composed the songs Fly my bird, and Good will come chosen due to his clear talent for creating sunny, simple and yet clearly effective pop inspired reggae instrumentals. It allowed me room to create a diversion from the classic reggae styles of digital, roots, steppas and dub to bring a summer pop element to the procession.
Last but not least is the virtuosic Tom Fire whose Path of the wanderer compostion provides an ambient, melancholy and yet heavy hitting creation to uphold the depth of the lyrically memorable song carried on this bass vehicle. Tom Fire never disappoints and is an easy go to for dramatic, poignant and modern edged production.

Q. You started to work on it 3 years ago. What took you most of the time in the creative process?

A. The writing of the lyrics takes a serious amount of time. I write far more than I ever get to record. During writing it is usually every 20th song lyric that delves deep enough into the souls psyche that allows something I deem worthy to develop into a full blown song. The next part is the recording process and the time the composers and beat makers put into their own recording, writing and composing efforts which adds to the number of hours or days or even weeks required to complete a song. Add to this the back and forth with mixing and mastering engineers and the modifications and we can conclude that all elements take a fair share of the total time used to create a final work.

Q. Why the choice to self-produce it?

A. I have worked on album productions with many different labels, producers and production houses over the years and have gained much experience and knowledge in this field. I suppose, since I produced ‘Bullets over Babylon,’ with Monkey Marc in 2010 and ‘Good’ LP independently in 2022 that I had enough confidence in addition to a team of professionals from composers and artists to engineers and technicians to undertake the mission. It is a demanding yet exciting task and requires a diligent work ethic but the gratification on completion is worth it and urges me to continue to manage, produce, commission and develop my own future projects and the best part about it is that I have complete creative control and can do what I personally wish to do. That is the most important part. I choose who I work with, I choose my own sound, direction and expression allowing my songs to maintain their integrity.

Q. Tell me about Renegade Masters…

A. It was really just a company I set up to release and manage my own projects. Although it has been known to release other artists it has ultimately maintained it’s position as label home for my own productions and works. It also consolidates my live touring, publishing and other music related work and gives me the independence to build my own projects independently if I so choose. I am also known to work with other labels but Renegade Masters allows me to have my own in house setup to be able to create music and share my personal messages with the world.

Q. How did you start singing?

A. We were encouraged to sing as children at home. All of my sisters are great singers. My youngest sister Anjali is a very accomplished pianist and has a sterling voice to boot. My big brother Deerj was lead singer of death metal punk band called ‘Question Authority’ when I was 10 years old so singing and music was very much appreciared in my family. When I became an MC on the Glasgow club circuit as a teenager it was my friends Gourley, Paula Geddes and Scott McMahon who encouraged me to sing more and pursue music. They used to make me feel confident when I entertained them with raps and it was Chris who got me my first gig by forcing the promoter of a night called ‘Let’s go back, way back’ to hear me rap and list me on the poster and book me for a gig. After that I became a resident and the rest is history.

Q. Is Scotland a good place to do reggae? How’s the scene there?

A. In 2007 when I first met Mungos, the soundsystem scene in Glasgow was really just them and a small soundsystem called ‘Roots reggae’ run by a guy called Karim both of which I would sing on. It grew and grew and had a peak but then as venues began to close or even burn down (something I consider to be a conspiracy to this day) the scene kind of calmed down. Now, there are solid players in the music scene in Glasgow including Hometown who still run reggae nights and a few others so the foundation work done by Mungos Hifi who went on to become a serious player in the global soundsystem circuit has established good roots for reggae lovers in Scotland in general.

Q. Did you ever experience any racism that push you to do music, as it happened with iconic brit reggae bands such as Steel Pulse or Aswad?

A. The fact is that when you are a minority in a country exposed to racism propaganda you are going to be looked down on and disrespected and made to feel inferior for your colour. I accepted for the most part that perhaps I am inferior as it keeps me humble to believe such things but thanks to brilliant friends I met as a teenager who I am still friends with today in my 40’s I was made to feel accepted and loved. I love my friends in Glasgow. There is nobody like them. They know who they are. It is truly in my older years that I appreciate their friendship and support when I was younger because it gave me the confidence to go and achieve my dreams. It was those friends who protected me from racism and made me feel as if it really doesn’t exist, certainly in Scotland. I am sorry that Steel Pulse and Aswad suffered racism. I believe that real racism is rooted in the racist person actually feeling inferior themselves and needing to put others down to make themselves feel better. All people deserve love and acceptance.

Q. As we can see on your socials you travel a lots. Recently you’ve been to Australia. Did you find any good musical connection in your travels that resulted in a cooperation?

A. Absolutely. I met my spiritual live band family in The Belly laughs who are a huge band of up to 10 players who reharsed an entire set to perfection. With Rosie backing singing for me while skillfully playing her banjo and a drummer who also sang solos along with a percussionist, keys, brass and guitar soloists I was really spoiled to death. I will return to make a show with this band in Nimbin on December 15th and I can’t wait. I wish I could put them in a suitcase and bring them to Europe. What a joy it was to perform with them. I of course have tight musical connections with the many composers I work with around the world such as Mauro in Brasil and Monkey Marc in Australia and a large pool in France but I maintain an equally excellent musical bond with them all. I feel blessed by the connections I made with the musicans and fellow artists in Australia and look forward to reestablishing them soon and definitely with collaborations with some of them. Thanks to Whatsapp keeping a connection is easy and so is discussing and fermenting collaborations.

Q. Are you working already on something new?

A. Always. I am in the process of finishing my next album which is a collaboration with ‘Fatbabs’ and his label ‘Big Scoop’ which happens to be the label home of dynamic artist ‘Naaman.’ It is a soul Gospel album composed entirely at Fatbabs studio with live musicians and Renegade HQ Studio in Scotland. It will be released under ‘Big Scoop’ Records in 2024 allowing me to maintain my goal of releasing an album a year until 2030.

Thank you for allowing me to share my journey and God bless you and all your listeners and readers.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui